You are currently browsing the Paola Ruggieri blog archives for July, 2012.

Opere Disponibili:

Categorie

Archive for July, 2012

posted by Paola Ruggieri
Tuesday, July 24, 2012

Il Giorno della Fusione

Una serata piacevole trascorsa al cavalletto immersa nella pace del mio studio, per caso ho ascoltato un racconto sulla vita della pittrice britannica Dora Carrington (Hereford, 29 marzo 1893 – Ham, 11 marzo 1932), è stato ispirante, mi hanno colpito la passionalità, la sensibilità, la vita tormentata dall’amore mai corrisposto per lo scrittore Lytton Strachey e in particolar modo l’amicizia nata con Virginia Woolf.
Dora Carrington e Virginia Woolf fecero lentamente amicizia a partire dal 1916 attraverso “l’affetto che entrambe nutrivano per un uomo difficile, effeminato, omosessuale, Lytton Strachey”. Pittrice, Carrington si era innamorata di Strachey e aveva accettato una lunga convivenza casta con lui, sopportando i suoi amanti e anche un pesante “ménage à trois”, sacrificandogli una “giovinezza piena di ammirazione e sollecitudine” (V.W.) e suicidandosi nel 1932 subito dopo la sua morte per cancro. Dapprima gelosa dell’intesa intellettuale di Virginia con Lytton, l’aveva però presto accettata, ammaliata dalla sua “anima lesbica”, come la chiamava.
La univano a Virginia l’indifferenza per gli abiti e per le forme esteriori dell’essere, il rifiuto della maternità, l’amore per la natura e la campagna, l’abitudine di usare nomignoli per sé e per tutte le persone care, il bisogno di appoggiarsi ad un partner con il quale non condividevano la sessualità, i dubbi tormentosi sulla propria creatività “combinati con un perfezionismo spietato”, l’attivismo con cui cercavano di “tenere a bada le ombre oscure dell’insicurezza, della disperazione e della depressione”, la “tendenza a stati d’animo foschi” che però non impediva loro di “diffondere intorno a sé il buon umore” e di “essere una compagnia ambita” grazie ad un energetico senso dell’umorismo.

Virginia descrive questo incontro e questa amicizia in questo modo: “Una relazione cosi’ segreta e intima, in confronto alle relazioni con gli uomini”.

“Mi piacciono le donne. Mi piace il loro anticonvenzionalismo. Mi piace la loro completezza”.

Le ho visualizzate così, due anime che si incontrano in una fusione perfetta e intima, emozionante e commovente.

Admin